Questo crediamo sia il merito di fondo di Della Savina: rappresentare qualcosa che cerca delle determinazioni, ma lasciare la possibilità a chi osserva dal di fuori di non essere passivamente spettatore ma di \"agire\", appunto, ricercando di definire gli aspetti più salienti di quanto gli viene proposto. Con accorgimenti tecnici che ben rendono la sensazione di questa \"instabilità\", Ettore Della Savina invita il pubblico ad entrare nel quadro, a riconoscersi nella materia vivente, in continua evoluzione, non dimenticando i motivi più interiori e le esigenze spirituali. "; $text1Autore=" Franco Torriani
scrittore "; $text2=" Non abbiamo bisogno di richiamare altre arti o altri artisti per rifarci ai Della Savina; gli impasti cromatici esplodono sensualissimi tra i verdi smeraldo ed i cinabri, i vermiglioni, equilibrandosi tra i gialli ed i bruni, aprendo talvolta ad impensabili azzurri.
L'inganno sta proprio lì; nel suggerire paesaggi immediati, impulsività, sfrenatezza.
Il cammino è lungo, studiato, meditato, mediato di misticismo, a volte lievemente venato di malinconia, altre volte diventa più esuberante e pare accennare ai fastosi richiami del più ridondante passato, forma alle nature dei vegetali con buone risorse espressive.
Sicchè le tecnologie di Della Savina ben si bilanciano tra tante possibilità, orientando le scelte in base alle necessità formaali.
Nè si può dire che, trascurata dai richiami naturalistici, la figura sia la grande assente, una volta che, emblematica essa pur se eternamente femminile, darà nuove idee al concetto dello spaventapasseri. "; $text2Autore=" Carlo Burdet
architetto, scrittore "; $text3=" Le pitture \"DellaSaviniane\" impregnate di risvolti sociali e curate con tecniche che mostrano colori ora caldi, ora freddi ed una vivezza cromatica sapientemente giocate con fantasia e inventiva, quindi imponenti dipinti stereo scenografici del Della Savina, le cui tele sono interpretate in maniera fantastica con reminiscenze onirico surreali, il tutto viene fuso e applicato nella sua pittura quasi per magia,e la materia s'illumina di imprevedibili luci.
Le sue visioni estetiche possono essere comprese da chiunque abbia sensibilità e occhio esercitato a leggere le tele meno facili, che spesso si accompagnano con l'ignoto che è l'anelito e il fremito pulsante della vita.
L'esposizione suscita un senso di rispetto poichè percepiamo in questo valido artista problemi della nostra società, a dipingere il fuoco che è dentro in ognuno di noi, raggiungendo con le loro cromatiche lunghezze d'onda i meandri più reconditi del nostro io, fino a stimolare e agire in profondità sui meccanismi percettivi della nostra psiche. "; $text3Autore=" Ennio Pedrini senior
Presidente degli ex consiglieri
regionali della Valle d'Aosta
"; ?> Art Gallery - Ettore della Savina - Mostra




"Presenze illuminate in una fraterna agape agreste"



Dolmen


Ghiacciaio del Monte Bianco al tramonto


L'uccello migratore


Torrente della Valle d'Aosta